Nostra Signora delle Divine Vocazioni

OL-Divine-Vocations-214x300Nostra Signora delle Divine Vocazioni

Per don Giustino  la funzione più speciale di Maria è quello di formare le anime secondo il cuore di Dio, come Dio li vuole, come Dio li vuole essere! La vocazione di Maria è quella di formare Gesù in ogni anima, e per rendere ogni anima, non solo santo da essere Gesù, per renderlo un altro Gesù. 

Il 14 febbraio 1938, don Giustino ha scritto nel suo “Libro dell’Anima” dicendo:

“È come se la Santissima Trinità ha dettato a me in un modo particolare, che la Beata Vergine Madre è la mia immediata direttrice spirituale. (Opere, Vol.11, pag. 115).

Don Giustino ha scritto e ha dichiarato:

“Mi è stata data la certezza che la Santissima Trinità ha dato la Beata Vergine l’Ufficio di superiora immediata della Società delle Divine Vocazioni, presente e operante in mezzo a noi in tutte le sedi e in tutte le nostre case, studi, lavori, e tutto il resto. In data 11 febbraio 1932, la Madonna ha visitato e ha parlato con lui, e il 11 Maggio, 1932 è stato stabilito come la festa della Superiorato di Maria Santissima nella nostra congregazione.

 Secondo don Giustino,

“Dove c’è Dio, tutta la corte celeste è con lui. Poiché Dio è ovunque e Maria è sempre con lui, la nostra fede nella presenza speciale di Maria in tutto il mondo è giustificata. La madonna è veramente presente soprattutto nella stanza a lei dedicata in tutte le nostre residenze. Ricordare che la Santa Vergine è tua madre e si prende cura di te. Ogni sera si passa vicino al letto, e oltre a voi rimboccando per assicurarsi che si sono ben coperti, lei ti sorride e ti benedice. Cerchiamo di non fare la nostra Madre celeste triste, con i nostri difetti. Le madre benedetta visita ogni anima in particolare quelli che aspettano di essere santificati, e coloro che sono benedetti con una vocazione religiosa e sacerdotale e ancora di più per coloro che nutrono le vocazioni. Egli ha detto che possiamo imparare la devozione a Maria perfetto da qualcuno che sa il fatto suo, gli angeli e i santi”.

(Caputo,  Devozioni mariane Edizioni Vocazioniste, Napoli, Maggio 2010).